La rana che russa

L'anfibio fra due mondi: lo stagno degli scienziati e la terra dei curiosi


Lascia un commento

Poche scuse: è colpa nostra

Beccati con le mani nella marmellata. Peggio dei bambini. Non possiamo nemmeno tentare di salvarci con l’approccio ben noto ai fedifraghi: “Negare, negare sempre, anche l’evidenza”. Non ci resta altro se non, con aria colpevole, ammettere il misfatto, con occhi bassi e mani dietro la schiena: la Terra ha avuto fin troppa pazienza con noi. Questo è quanto emerge dal quinto rapporto di valutazione dell’IPCC, pubblicato a settembre.

Leggendo “Aumento del livello del mare”: “Buone notizie! Con l’attuale velocità del riscaldamento globale dovremmo essere in grado di nuotare semplicemente là sopra e mangiarlo in meno di cinque anni…!”. C’è chi spera di trarre vantaggio dalla situazione… (Cortesia Mary)

Leggendo “Aumento del livello del mare”: “Buone notizie! Con l’attuale velocità del riscaldamento globale dovremmo essere in grado di nuotare semplicemente là sopra e mangiarlo in meno di cinque anni…!”. C’è chi spera di trarre vantaggio dalla situazione… (Cortesia Mary)

Continua a leggere

Annunci